Ben Hammott's Ricerca e le Scoperte - Tomba vicino a Rennes le Chateau.

La Tomba

 

Informazioni e foto

 

 

 

Segue una descrizione sintetica della Tomba e di come ho scoperto la sua dislocazione.

La Tomba che vedete in questa pagina è stata scoperta decifrando alcuni degli indizi di Saunière inseriti nelle decorazioni della chiesa di Rennes le Chateau dedicata a Maria Maddalena. Per ovvie ragioni in questo momento non posso fornire nessun dettaglio di quale decoro della chiesa mi sia servito, ne' di come
sia riuscito a decodificarlo.

Gli indizi conducevano al pend?o circostante e, dopo una minuziosa ricerca di molte ore, io e mio fratello che mi aveva accompagnato in quel viaggio, riuscimmo finalmente ad individuare il posto che stavamo cercando.

Il luogo era completamente ricoperto e, se non fossi stato l? apposta a cercarlo sarei passato oltre senza degnarlo di un'occhiata. Penso anche che il sole fosse in una posizione tale da mettere in risalto l'apertura da renderla più visibile di quanto non fosse di solito. In preda all'eccitazione ed alla speranza entrai. Sebbene non lo capissi subito, situata sotto di me c'era un'antica tomba. Accesi una torcia nel buio e, con mio grande disappunto, vidi una quantità di orme sulla terra molle che copriva il pavimento.Non sembravano recenti, ed il mio primo pensiero fu che avrebbero potuto essere quelle lasciate da Saunière. Dopo essermi avventurato ancora più all'interno della caverna, vidi che si estendeva dentro il pend?o della collina per almeno altri venti metri. Un passaggio stretto e piccolo si schiudeva in un'altra direzione per scomparire oltre un angolo, e perci? non fui in grado di vedere per quanto ancora proseguisse.

Concentradoci momentaneamente sull'insieme di tutto l'ambiente facemmo una ricerca capillare cercando sulle pareti rocciose qualsiasi segno che potesse dirci se Saunière era stato l? prima di noi. Tutti sappiamo come a lui piacesse lasciare il suo marchio, ma non c'era nient'altro che nuda roccia, sbriciolata, sparsa dappertutto. Il luogo nel punto più alto era abbastanza alto da permetterci di stare in piedi, ed è proprio li che scoprimmo di non essere soli:
un paio di pipistrelli appollaiati ne avevano fatto la loro dimora. Gran parte del soffitto era parecchio più basso e con molte pendenze, una larga sporgenza di roccia quasi toccava il pavimento. Ci? significava che avremmo dovuto strisciare sulle mani e sulle ginocchia per la maggior parte del tempo e, talvolta anche contorcerci sotto gli spunzoni rocciosi per raggiungere zone dalla volta più alta.Un paio d'ore più tardi,e qualche buca scavata in più, non avevamo trovato nessun tesoro nè alcunchè di interessante. Era il momento di dedicare la nostra attenzione al piccolo passaggio.

Mentre procedevo divincolandomi all'interno del piccolo cunicolo illuminandolo con la torcia, il soffitto cambi?. Era pieno di ragni, e qualcuno mi sembrava parecchio grosso, perci? feci marcia indietro molto più velocemente di come c'ero entrato. Non mi piacevano i ragni. Non riuscendo a persuadere mio fratello ad infirlarsi nel passaggio per vedere cosa ci fosse oltre l'angolo dovetti pensare ad un'altra soluzione. Se c'era un tesoro nascosto alla nostra vista là dietro, ebbene io ci sarei arrivato, ragni o non ragni, e, allettato dalla carota che avevo appena visto ballonzolarmi davanti al naso, decisi di usare la videocamera. Il piano era di accendere la telecamera e spingerla nel cunicolo
con un ramo che avevo scelto per quel compito perchè aveva una specie di uncino all'estremità, che mi avrebbe permesso di ritirare la macchina.

La cinepresa sarebbe stata usata per filmare qualsiasi segreto, se ce n'erano, là dietro. Se si fosse rivelato qualcosa, avrei rischiato, strisciando attraverso il territorio dei ragni, ed avrei cercato di saperne di più. Il piano era questo.

Misi la telecamera nel passaggio il più distante possibile senza avvicinarmi al territorio dei ragni, in mano il bastone uncinato pronto a spingerla lungo la strettoia, ce l'aggiustai e spinsi il tasto di avvio. Improvvisamente la macchina scomparve ..letteralmente. Non c'era più. Strisciai in avanti per cercare dove fosse finita e vidi un buco. Era piccolo, largo poco più della telecamera della quale non c'era più traccia. La fenditura non andava giù dritta ma formava un angolo a circa un metro di profondità. Tenendo la torcia in mano feci scivolare l'altro braccio nel buco, ma solo dopo essermi spinto anche con la testa riuscii a vedere il retro della cinepresa. Nulla era perduto! Sebbene la macchina fosse troppo profonda per arrivarla con la mano, sapevo che se riuscivo a vederla sarei anche riuscito a recuperarla.

Per farla breve, usando una fune sottile fatta a cappio ed il bastoncino uncinato, alla fine riuscii a recuperarla, mentre, per fortuna, stava ancora filmando. Pensando che forse tutto il pavimendo del cunicolo potesse essere pericoloso, e che ci fosse già arrivato qualcun'altro prima di noi per portar via tutto ci? che ci fosse stato di valore, considerato le orme trovate, mettemmo una pietra sopra il buco (idea di mio fratello) per impedire l'accesso ad animali, e decidemmo di lasciare in pace ragni e pipistrelli.

Ancora, per abbreviare la storia, il mio camper che aveva portato me e mio fratello a Rennes le Chateau, dove avevamo cucinato, pranzato e dormito durante la nostra permanenza, misteriosamente...ri ruppe. (sono visibili maggiori dettagli e foto dell'accaduto). Il camper non poteva essere riparato in Francia quindi dovette essere trasportato in Inghilterra. Tutto questo signific? per noi dover noleggiare un'auto e soggiornare in albergo durante il viaggio di ritorno. Accadde che mentre ero in uno di questi hotels decidessi di quardare la pellicola filmata durante il nostro viaggio. Collegai la telecamera alla tv della mia stanza e quando arrivai al momento in cui era scomparsa nel buco, vidi che aveva ripreso una Tomba completa di corpo avvolto in un lenzuolo funebre, forzieri, qualcosa che brillava alla luce (pensai che poteva trattarsi di oro), ma l'oggetto più strano di tutti era una larga croce di legno appoggiata al muro.
Non potete neanche lontanamente immaginare quale eccitazione si impadron? di me nel vedere la Tomba. Allora eravamo arrivati nel posto giusto! Io avevo decifrato esattamente gli indizi della chiesa di Saunière e, sebbene gran merito fosse dovuto alla fortuna, seguendo quegli indizi, avevo trovato una Tomba nascosta nei dintorni di Rennes Le Chateau.

 

Foto presa dal filmato della Tomba

Rennes-le-Chateau Tomb 2

Primo colpo d'occhio del corpo avvolto nel lenzuolo funebre

Nell'inquadratura ripresa dal sotto vedete il telo che copre il corpo decorato con una croce rossa. In fondo sulla sinistra, sebbene questa foto non sia molto chiara, c'è un oggetto coperto con un'altro panno, stavolta decorato con il disegno della Stella di Davide. In mezzo a sinistra, il primo scintill?o di qualcosa, forse dorato.

Sfortunatamente, siccome allora non sapevo dell'esistenza della Tomba, non ho sistemato la videocamera in modo da ottenere un risultato migliore, e cioè inserendo grandangolo etc.. , per cui gran parte della ripresa è inutilizzabile in quanto o non era a fuoco, o filma le pareti della cavità. Comunque è stato impagabile il suo impiego perchè mi ha rivelato l'esistenza della Tomba. La prossima volta sar? più preparato.

 

 

 

Il secondo filmato della Tomba

 

 

La seconda volta che sono tornato, per assicurarmi un filmato migliore della Tomba, adesso che sapevo che c'era, mi portai dietro un supporto costruito allo scopo, che consisteva in corte prolunghe fatte da asticelle munite di cardini muniti di fermi per essere fissati ad impedire che si piegassero ad angolo retto. Sopra veniva sistemata la telecamera mobile che, attaccata ad una cordicella fine mi permetteva di spostarla da un lato all'altro. Speravo che questo mi avrebbe permesso un qualche limitato controllo della macchina e, di consequenza, anche di quello che stavo riprendendo anche se avrei potuto farlo ad occhi chiusi, come si suol dire.
Avevo acquistato, ad una fiera, una telecamera leggera, di seconda mano a doppia lampada. Aveva molta luminosità e grande apertura, quindi ritenevo che avrebbe illuminato perfettamente la Tomba buia. L'unico inconveniente era che le batterie si scaricavano in fretta. Ma io avevo solo pochi minuti da filmare perchè la Tomba non pareva molto grande per quanto ne sapevo dal firm precedente.

Superato qualche problemino con il supporto fatto a misura che non resse, e dopo qualche regolatina, riuscii ad ottenere un buon resocondo di tutti gli oggetti della Tomba.

Immagini prese dalla seconda ripresa della Tomba

Rennes-le-Chateau Tomb 2    

 

Sebbene la luce non perfetta, questa volta il reportage fu parecchio più chiaro e gli oggetti finalmente visibili. L'impronta degli occhi e del naso erano delineati nel drappo che copriva la testa, o forse si trattava della forma di una maschera o di un elmo. Se la croce scarlatta, che ora si vedeva chiaramente, fosse stata una croce dei Templari, avrebbe potuto indicare che il corpo sottostante fosse quello di un Cavaliere Templare, magari sepolto con tutta l'armatura. Secondo la leggenda i cavalieri venivano sepolti nelle volte segrete sotto la Cappella di Rosslyn con indosso l'armatura ma, ovviamente si tratta di leggenda. E se non si fosse trattato del corpo di un Cavaliere Templare, ma la croce scarlatta quella dei Templari, allora avrebbe potuto trattarsi del corpo di qualche Templare tenuto in grande considerazione, magari anche venerato.

La Tomba si presentava come fosse la vecchia scena di un saccheggio: tutti gli oggetti sparpagliati per terra, come se qualcuno , entrato nella grotta, dopo anni che era stata sigillata, avesse classificato tutti gli oggetti, preso quelli di maggior valore e più agevoli da trasportare e, per qualche ignota ragione, avesse lasciato tutto il resto. Se si trattava di Saunière, magari aveva paura che
qualcuno trovasse l'ingresso della Tomba. Forse era controllato e perci? aveva deciso di risigillarla e, sicuramente progettato di tornarci in un'altro momento, ma parrebbe non lo abbia mai fatto.

Rennes-le-Chateau Tomb

La Tomba

(evidenziata nelle foto per mostrarne i dettagli)

C'è un solo accesso alla Tomba, ed è situato a sinistra della foto qui sotto. Mentre la caverna , prima di diventare Tomba, sembri una formazione naturale, lo spazio al suo ingresso pare fatto dall'uomo. Con tutta probabilità esisteva già un tunnel più piccolo che i costruttori della Tomba ampliarono per trasportare gli oggetti al suo interno. Secondo me la Tomba è a forma di cuore. Saunière aveva immagini del Sacro Cuore sia nella Chiesa che a Villa Bethania, Ma forse si tratta solo di una coincidenza e le due cose non hanno alcuna attinenza.

La foto qui sotto mostra con chiarezza i pochi oggetti rimasti nella Tomba e la loro diversa natura. A proposito che cosa si nasconde sotto il drappo ricamato con la Stella di Davide?

 

 

Il terzo filmato della Tomba

 

 

 

Bruce Burgess, il direttore du "Bloodline" aveva bisogno di un'altro filmato della Tomba ed io l'ho accontentato. Cos? in gennaio 2007 siamo tornati in Francia.

Per particolari circostanze e per mancanza di tempo, la ripresa è avvenuta di notte ed in viaggio alla Tomba, nell'oscurità, è stato un'esperienza spettrale, Il frusc?o di un cinghiale che si muoveva tra gli arbusti non ci ha per nulla aiutato nell'impresa.

Il paesaggio aveva un aspetto totalmente diverso al lume della torcia. Questo significa che per trovare il sito al buio non è stato affatto facile sia perchè ben camuffato e ricoperto dalla sterpaglia rigogliosa, sia perchè io, durante la mia precedente visita ero stato ben attento a non rimuovere nulla.

Alla fine lo individuai e scivolai all'interno, Dopo aver trovato l'imboccatura del pozzo, spostai le pietre che avevo sigillato con schiuma espansa per sigillare il buco nella mia precedente visita. Dopo aver preparato la telecamera ero pronto per filmare la Tomba ancora una volta.    

La telecamera remota

Bruce mi aveva fornito di una speciale telecamera su una lunga guida che poteva essere connessa ad un monitor, in modo che io fossi stato in grado per la prima volta di vedere ci? che stavo filmando nella cavità sottostante.

Vicino all'occhio della telecamera erano state fissate delle luci tutte attorno.

Agganciai la telecamera ad un supporto, che poteva essere allungato con aggiunte se fosse stato necessario.

Mi ero dotato anche di un pezzo di cordicella molto robusta che fissai alla telecamera per poterla muovere da sinistra a destra nella Toma per filmare tutti gli oggetti.

 

Immagini prese dal terzo filmato della Tomba

Alcune di queste immagini sono state fornite da Bloodlinethemovie.com

    

 Dopo aver girato attorno alla schiuma superai la prima roccia.       La cinepresa remota sta entrando all'inizio del cunicolo

      

La telecamera che controllavo da sopra, e la telecamera a distanza che sta scendendo giù per il cunicolo verso la Tomba.

A causa di alcuni pezzetti di schiuma caduti nel cunicolo quando avevo rimosso le pietre, un po' del loro pulviscolo si era attaccato alla lente ed ho dovuto ritirare la camera, pulirla per calarla di nuovo. La seconda volta è andato tutto liscio, salvo un paio di pezzettini attaccati alla lente, Per vedere il filmato di questa camera posizionata nella parte bassa del foro cliccare QUI.

La prima parte che notai fu che era caduta una parte di roccia ma, per fortuna aveva mancato il corpo che era scivolato leggermente, ma sembrava integro.

Caduta delle rocce

La croce di legno, a pezzi, era tra i detriti. Le pergamene e gli altri oggetti alla base della croce che si vedevano bene nelle immagini del secondo filmato, adesso erano irrimediabilmente distrucci, schiacciati dai massi. Avevo sempre pensato che il soffitto della tomba non fosse stabile,e, vedendo quelle immagini, seppi di aver avuto ragione.

Il profilo della spalla e della testa del corpo disteso su un grande blocco di marmo rosa si puo' vedere delineato sotto il drappo.

La ciotola sembra un oggetto un tempo pieno di liquido, presumibilmente acqua filtrata dalla roccia sovrastante, messo proprio l? per quel motivo, forse dall'ultima persona che si è introdotta nella Tomba. Come potete vedere la ciotola ora è vuota, secca. In effetti tutta la tomba pare essere molto meno umida di quando l'avevo filmata pochi anni fa.

Guardando nel piccolo monitor connesso alla telecamera l'ho spostata per filmare tutti gli oggetti della Tomba.

 

La cassa che sembra di metallo

Il baule del tesoro che mostra coppe o calici d'oro, monete polverose ed altri oggetti non ancora identificati.

Un vecchio libro o Codice malridotto e marcito

Questo libro si trova su una cassa alla destra del corpo e vicino all'ingresso sigillato. Sfortunatamente sembra in ben più misere condizioni degli altri oggetti della tomba per il materiale di cui è fatto. Quella che sembra la lettera "L" o
"O" la si puo' vedere incisa sul coperchio e l'inizio di un'altra lettera con un lato dritto come una "E" o una "R", ecc. Oppure, se guardate attentamente nello spazio interno del quadrato "O", potrebbe non trattarsi di una lettera ma di un simbolo, magari una croce o una lettera incisa dentro un riquadro. Potrebbero trattarsi di una "A" o forse di una "R". Ho controllato parole francesi e latine che
iniziano per "L" ma ancora non ho ottentuto niente di appropriato, quindi se qualcuno ha delle idee in proposito prego inviarmele via e-mail.

Possiamo soltanto immaginarci le informazioni e forse anche i segreti nascosti fra le sue rade pagine ammuffite, è il mio pezzo preferito della Tomba: Diciamo che
una volta, quando mi interessai per la prima volta al Mistero di Rennes le Chateau (allora era un po' più divertente, un sacco divertente) avrei ignorato il libro per fiondarmi direttamente sul tesoro. E' strano come ti cambia Rennes Le Chateau. La mia speranza è che un domani la Tomba venga ufficialmente alla Luce. Esplorata, scavata e che tutti i suoi manufatti vengano esposti in un museo e, se ci sarà un cartellino che dice "Scoperti da Ben Hammot" quello sarebbe qualcosa di cui andare fiero.

C'erano diversi altri oggetti e zone interessanti catturati nel film, ma per il momento questo è tutto quanto posso rivelare. Molto altro ancora verrà svelato nel prossimo film della Bloodline. Per gli ultimi aggiornamenti sulla pellicola programmata a Maggio 2007 visitate il loro sito web, alle pagine NEWS, FILM, e RESEARCH ed il nuovo spot Bloodlinethemovie.com

Cliccate su questi due link per vedere la diffusione del filmato Bloodline su U-Tube: Holy Relics e Mary Magdalene Tomb (Sacre reliquie e Tomba di Maria Maddalena)

Per saperne di più su di me: i miei primi giorni nel Mistero di Rennes le Chateau, perchè usi uno psaudonimo etc... Seguite questo link per visitare il sito web di Andy Gough e leggete l'articolo di Ben Hammot, l'Uomo, il Mito, la Tomba.

 

 

 

HOME             INIZIO        Ricerca e le Scoperte menu

 

 

 

 

counter free hit unique web

German Website